Utilizziamo i cookie per offrirvi la miglior esperienza sul nostro sito. Continuando a navigare sul sito, l'utente accetta di utilizzare i cookie. Per ottenere maggiori informazioni clicca qui

Perché scegliere prodotti monouso biodegradabili e compostabili?

Pubblicato da Conny 28/06/2019 0 Commento(i)

Ultimamente se ne sente parlare ovunque, la rivoluzione per eliminare la plastica e riciclare al massimo tutto ciò che viene gettato è adesso una priorità. Ma perché dovremmo scegliere un prodotto biodegradabile e compostabile? Ma soprattutto, quali sono i vantaggi di questi nuovi prodotti? Scopriamolo insieme!

Contenitori Finger Food in polpa di cellulosa

Scegliere tra un piatto di plastica o un piatto di bioplastica, a parole non sembra faccia molta differenza, ma per il nostro ambiente questo conta molto! Un prodotto monouso in plastica, per quanto ci piaccia pensare che venga riciclato, spesso finisce in discariche ed inceneritori e tutto questo aggrava la situazione già precaria del nostro ambiente, che è ormai inquinato e sommerso dai rifiuti plastici e non. Basti pensare che una bottiglia di plastica necessita dai 100 ai 1000 anni per degradarsi!

La scelta invece, di un prodotto monouso biodegradabile e compostabile, non solo aiuterà l’ambiente, ma ci eviterà la fatica di dover ripulire gli stessi dai residui di cibo, sarà veloce e facile gettare tutto nella raccolta dell’umido.

 

Biodegradabile  e compostabile: quali sono le differenze?

Chiariamo subito che biodegradabile non significa automaticamente che sia compostabile. Per biodegradabile si intende infatti qualsiasi materiale che può essere scomposto da sole, batteri e agenti fisici naturali, in composti chimici semplici come ad esempio l’acqua, anidride carbonica o il metano. La normativa europea stabilisce che un prodotto può essere definito biodegradabile solo se si decompone del 90% entro i sei mesi

Per elemento compostabile invece, intendiamo quel materiale che non solo è biodegradabile ma dove il suo processo di decomposizione avviene entro i tre mesi. Quindi la differenza sostanziale tra compostabile e biodegradabile, è il tempo necessario per un prodotto di trasformarsi in composti chimici elementari alla del processo di biodegradazione.

La realizzazione del compost ci permette di mantenere risorse importanti sul territorio, risorse che possono servire per arricchire i nostri terreni, aiutare le coltivazioni e mitigare desertificazione e il rischio idrogeologico.

Bacchette/spiedi ideali per finger food in legno di betulla

 

Quali sono i prodotti monouso biodegradabili e compostabili in commercio?

Scegliere di aiutare l’ambiente è facile! La varietà di prodotti monouso biodegradabili e compostabili è in costante crescita e ci aiuterà a limitare al minimo l’uso e di conseguenza la produzione di plastica.

I prodotti monouso non possono mancare nei settori Ho.Re.Ca, ma anche nei privati; scegliere di voler bene all’ambiente da oggi è facile, tra i prodotti monouso biodegradabili e compostabili troviamo anche:

I nuovi materiali introdotti nel mercato con lo scopo di sostituire la plastica sono stati:

  • bioplastica,
  • polpa di cellulosa,
  • legno di betulla,
  • bamboo
  • legno di pino

Con l’utilizzo di questi materiali sono stati realizzati bicchieri, piatti, posate, contenitori e tovagliato, ma a differenza della plastica utilizzarli significa rispettare l’ambiente poichè biodegradabili e compostabili; sarà facile e veloce smaltirli nella raccolta dell’umido.Noi di ChiwiShop ci teniamo all’ambiente e vogliamo fare la nostra parte per salvare il nostro pianeta, per questo ci impegnamo a mantenerci aggiornati in materia di ecologia inserendo sul nostro e-commerce sempre più prodotti “amici dell’ambiente”.

Piatto in polpa di cellulosa

Lascia un commento